Estero, Krancic

Fat Man – Bomba Nucleare Coreana – Vignette di Alfio Krancic.

Fat Man - Bomba Nucleare Coreana - Vignette di Alfio Krancic.
Fat Man – Bomba Nucleare Coreana – Vignette di Alfio Krancic.
Con il tipico umorismo americano, questa bombetta che gli USA gettarono su Nagasaki, fu chiamata Fat Man. (grassone)
Con il tipico umorismo americano, questa bombetta che gli USA gettarono su Nagasaki, fu chiamata Fat Man.
(grassone)

Alfio Krancic‏ – @AlfioKrancic

Un paio di amici mi hanno scritto chiedendomi il senso di questa vignetta: oggi lo posso dire: con il tipico umorismo americano, questa bombetta che gli USA gettarono su Nagasaki, fu chiamata Fat Man.
(grassone).😉🏴‍☠️


Krancic “invade” le librerie. A colpi di satira
Vignettista del Giornale dal 1994, Alfio Krancic per un attimo preferisce la penna alla matita di sempre

Krancic “invade” le librerie. A colpi di satira Vignettista del Giornale dal 1994, Alfio Krancic per un attimo preferisce la penna alla matita di sempre Clicca sull'immagine per ingrandire
Krancic “invade” le librerie. A colpi di satira Vignettista del Giornale dal 1994, Alfio Krancic per un attimo preferisce la penna alla matita di sempre Clicca sull’immagine per ingrandire

Si fa prima a dire quello non è La grande invasione (Tabula fati, pagg. 128, euro 10) prima raccolta di racconti di Alfio Krancic, vignettista del Giornale dal 1994 che, per un attimo, preferisce la penna alla matita di sempre.

Il “Vignettista” Alfio Krancic

Il vignettista Alfio Krancic

Non è buonista, non è politically-correct, non fa satira unidirezionale. E si finisce qui, perché nei cinque racconti, scritti in momenti diversi, che compongono il libro, entrano con toni dissacranti: immigrazione e crisi economica, politica e fanta-politica. Krancic, alla prima prova da narratore dopo vari volumi di vignette, mette in campo una schiera di personaggi che, senza sforzo, il lettore riconosce in quelli che popolano il panorama politico e televisivo. Fa viaggiare il lettore nel passato, giocando a scombinare le carte della storia, e in un presente anestetizzato dai reality e afflitto da un ottuso buonismo.

Mischia riferimenti letterari, come quelli a 1984 di George Orwell, ed eventi realmente accaduti come i fatti della scuola Diaz, durante il G8 di Genova. Il libro prende il titolo dal primo racconto, in cui Hitler progetta di invadere l’Inghilterra inviando imbarcazioni colme di profughi. Quando il piano fallisce il Führer si chiede «Quale nazione ora, o in futuro, accoglierebbe centinaia di migliaia, milioni di migranti senza reagire. Una porcheria che non funzionerà mai!». Nell’altro salto indietro nella storia si immagina la sconfitta di Garibaldi ad opera degli anti-risorgimentali, mentre tra i due racconti ambientati nel presente spicca per sarcasmo e brillantezza La freccia nera, in cui un gruppo di persone, uniti dalla nostalgia per i programmi RAI in bianco e nero, che si organizza per assaltare la casa del Grande Fratello, smantellare tutti i reality e rimanendone invece inglobato.

In Racconto Gitano, il protagonista è invece un italiano vessato dalle tasse che vuole diventare rom, riuscendo così a non pagare le tasse, entrare in politica ed essere nominato «Salvatore della Patria». Nell’ultimo racconto l’autore immagina le dimissioni di Silvio Berlusconi da Presidente del Consiglio in seguito a una crisi economica dilagante. A conti fatti quasi una previsione di quello che sarebbe poi accaduto il 12 novembre 2011 (Krancic si è immaginato tutto con più un anno di anticipo). Cinque punture di spillo che fanno sussultare e riflettere.

Comments are closed.