Destra, Nello Musumeci, Politica

Sgarbi a Ragusa scopre un quadro con Mussolini che saluta… Musumeci , contro arte progressista.

Sgarbi a Ragusa scopre un quadro con Mussolini che saluta… Musumeci (foto)
Sgarbi a Ragusa scopre un quadro con Mussolini che saluta… Musumeci (foto)

Non ditelo a Fiano, ma nel Duomo di Ragusa ci sono alcuni affreschi inneggianti al fascismo, tra i quali Vittorio Sgarbi ha fatto una scoperta: “L’affresco di Duilio Cambellotti nella Prefettura di Ragusa ritrae un Mussolini che sembra dire, rivolto a Musumeci: “Bentornato”, dice il critico d’arte mostrando il dipinto “a rischio” di apologia di fascismo. Nel tour “Panorama d’Italia” che da oggi a sabato 25 novembre trasformeranno Ragusa in un palcoscenico nazionale grazie alla presenza di tanti ospiti, Sgarbi recita un ruolo di primo piano. Se c’è arte, non può non esserci lui, figuriamoci in Sicila. «In Sicilia c’è un potenziale enorme a cominciare dal barocco che rende Ragusa una città antica e moderna insieme” Un luogo dove arte e letteratura si tengono per mano. Fu Sciascia a chiedere che venissero rimossi i teloni che, nel palazzo della prefettura, coprivano gli affreschi di Duilio Cambellotti perché inneggiavano al fascismo – racconta Sgarbi – Cambellotti, artista europeo, geniale, grazie a Sciascia vi è stato restituito. Non è inferiore né a Guttuso, né a Picasso e alla sua Guernica. Così si guarda la storia senza pregiudizi». Artista versatile, Cambellotti tra i primi in Italia ad aderire alle idee di William Morris sulla necessità di ridare qualità all’artigianato, dal 1931 al 1934 lavora alla sistemazione di sale del primo e secondo piano del palazzo, disegna decorazioni parietali, pavimenti, vetrate, infissi lampadari, serramenti, tappeti, mobili.


 

Certo non ditelo né a Fiano, né soprattutto alla simpatica Boldrini, teniamo segrete le offese artistiche ed urbanistiche dell’infame ventennio,che turbano la vista dei partigiani ultracentenari, nascondiamo l’arte ed il Futurismo, nonché l’Eur, anche se un po’ ingombrante.Ora, giacchè a Ragusa Sgarbi, di solito un avaraccio nei propri giudizi dall’alto della sua fama di critico d’arte, abbia espresso il lusinghiero giudizio sull’autore del “personaggio” che ha dato il benvenuto a Musumeci, vorrei cogliere lo spunto di in confronto “impossibile” con la stragrande parte dell’artecontemporanea , che si vorrebbe imporre come il bitcoin , nuova moneta di zecca, si proprio come il parassita che infetterà le proprie vittime , già vittime della propria avidità economica e di altrettanta presunta sopravalutazione intellellettuale !
A colpo d’occhio senza neanche voler entrare nel groviglio mentale degli autori, in cerca di allocchi vanitosi, per esprimere paranoici significati bisognosi di un’esposizione dialettica acrobatica ,per restare comunque appesa tra il vuoto e l’incapacità digestiva mentale ed … intestinale .

Paolo Pellegrino nasce a Genova nel 1961 e vive a Genova. Si laurea in Matematica nel 1989 e dal 1990 esercita la professione di docente di Matematica nella Scuola Superiore Pubblica, in ruolo dal 2001.
Le sue passioni sono la pittura, la meteorologia, la musica d’avanguardia e psichedelica, la fotografia e l’editoria.
Nel 2010 pubblica i tre volumi di “Underground, Psichedelia, progressive e Classica Contemporanea: le opere che ne hanno abolito il confine”, edita da Altromondo Editore.
Dal 2014 ad oggi pubblica i primi sette volumi di “Psichedelia in Opposition”, un’enciclopedia in 16 volumi sulla musica classica contemporanea, avanguardia sinfonica, jazz e rock progressivo, folk, blues progressivo, edita da Feltrinelli On Line
Nel 2016 pubblica l’ultima edizione aggiornata di “Pazzia, Gioia e Rivoluzione”, raccolta di sue poesie, canzoni e cover di brani famosi di stampo politico/civile, edita da Feltrinelli On Line.
Nel 2015 pubblica l’ultima edizione di: “Liguria: Clima e Storia Meteo di Genova dal 1969 ad oggi”, edita da Feltrinelli on Line. Nel Dicembre 2010 tiene la prima mostra personale a Genova nella Galleria Immagine/Colore. Nel Marzo 2012 tiene la seconda mostra personale a Venezia presso Palazzo Zenobio. Svolge attività di pittura dal 2000.
N.B. di Leonida Laconico : In grassetto i riferimenti caratteristici (dalle origini –Genova; all’editore principale. Feltrinelli; ai titoli delle edizioni pubblicate – “Underground, Psichedelia, progressive” + “Psichedelia in Opposition” + “Pazzia, Gioia e Rivoluzione”…) per imprimere un marchio astruso, arrogante, globalizzante, patrimonio genetico delle sinistre super progressiste, poco democratiche, infatti il suo popolino come potrebbe capire questo manicomio !?

Fonte: Il Secolo d’Italia – http://www.secoloditalia.it/2017/11/sgarbi-a-ragusa-scopre-un-quadro-con-mussolini-che-saluta-musumeci-foto/


 

Certo non ditelo né a Fiano, né soprattutto alla simpatica Boldrini,che, per non soffrire alla vista delle “schifezze del ventennio” che turbano  la vista anche dei partigiani ultracentenari, sarebbe capace di espatriare verso lidi a lei più vicini, lasciamola quindi nella sua tenace convinzione, forse solo così cercherà di scappare in Venezuela od in Corea del Nord dai “benevoli dittatori”), teniamo quindi segrete le offese artistiche ed urbanistiche dell’infame periodo, nascondiamo l’arte ed il Futurismo, nonché l’Eur, anche se un po’ ingombrante.

Ora, giacchè a Ragusa Sgarbi, di solito un avaraccio nei propri giudizi dall’alto della sua fama di critico d’arte, abbia espresso il lusinghiero giudizio sull’autore del “personaggio” che ha dato il benvenuto a Musumeci, vorrei cogliere lo spunto di un confronto “impossibile” con la stragrande parte dell’arte progressista-contemporanea, che si vorrebbe imporre come il bitcoin  ,  nuova moneta di zecca che raddoppia il suo valore di minuto in minuto, si proprio come il parassita che, alla fine,infetterà le proprie vittime , già vittime della propria avidità economica e di altrettanta presunta sopravalutazione intellellettuale !

A  colpo d’occhio senza neanche voler  entrare nel groviglio mentale dei coniatori, in cerca di allocchi vanitosi, per  esprimere paranoici significati bisognosi  di un’esposizione dialettica acrobatica ,per restare comunque appesa tra il vuoto e l’incapacità digestiva mentale ed … intestinale .

 


 

Paolo Pellegrino
Paolo Pellegrino

Paolo Pellegrino nasce a Genova nel 1961 e vive a Genova. Si laurea in Matematica nel 1989 e dal 1990 esercita la professione di docente di Matematica nella Scuola Superiore Pubblica, in ruolo dal 2001.
Le sue passioni sono la pittura, la meteorologia, la musica d’avanguardia e psichedelica, la fotografia e l’editoria.
Nel 2010 pubblica i tre volumi di “Underground, Psichedelia, progressive e Classica Contemporanea: le opere che ne hanno abolito il confine”, edita da Altromondo Editore.
Dal 2014 ad oggi pubblica i primi sette volumi di “Psichedelia in Opposition”, un’enciclopedia in 16 volumi sulla musica classica contemporanea, avanguardia sinfonica, jazz e rock progressivo, folk, blues progressivo, edita da Feltrinelli On Line
Nel 2016 pubblica l’ultima edizione aggiornata di “Pazzia, Gioia e Rivoluzione”, raccolta di sue poesie, canzoni e cover di brani famosi di stampo politico/civile, edita da Feltrinelli On Line.
Nel 2015 pubblica l’ultima edizione di: “Liguria: Clima e Storia Meteo di Genova dal 1969 ad oggi”, edita da Feltrinelli on Line. Nel Dicembre 2010 tiene la prima mostra personale a Genova nella Galleria Immagine/Colore. Nel Marzo 2012 tiene la seconda mostra personale a Venezia presso Palazzo Zenobio. Svolge attività di pittura dal 2000.

 

Leonida Laconico
Leonida Laconico

 

N.B.

 In grassetto  i riferimenti caratteristici (dalle origini –Genova; all’editore principale. Feltrinelli; ai titoli delle edizioni pubblicate – “Underground, Psichedelia, progressive” +  “Psichedelia in Opposition” + “Pazzia, Gioia e Rivoluzione”…)  per  imprimere un  marchio astruso, arrogante, globalizzante,  patrimonio genetico delle sinistre super progressiste, poco democratiche, infatti il suo popolino come potrebbe capire questo manicomio !?

 


ARTE progressista di … cacca ed imbrattamenti per gonzi e gruzzolosi !

Da quando, nell’agosto del 1961, Piero Manzoni espose alla Galleria Pescetto di Albisola novanta scatolette riempite con trenta grammi delle sue feci ciascuna, la merda, in senso stretto e non solo figurato, ha progressivamente invaso il campo delle arti plastiche……con i fiori del male.

 

….MA L’ARTE PROGRESSISTA FIORISCE IN TANTI MODI, NON SEMPRE .. PROFUMATI: PER IL RESTO APRI IL LINK :>   http://ifioridelmale.it/articoli/un-mare-di-m   In un mare di m…

 


La grande arte europea? Una montagna di cacca

PER IL RESTO APRI IL LINK :

 http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11919599/La-grande-arte-europea–Una.html

ARTE E MERDA, MERDA E ARTE – A ZURIGO AL VIA L’11ESIMA EDIZIONE DELLA MOSTRA “MANIFESTA”, CURATA DA CHRISTIAN JANKOWSKI. L’OPERA CHE SI GUADAGNA UN POSTO NELLA MEMORIA È FIRMATA DA MIKE BOUCHET: ‘THE ZURICH LOAD’ È IL RISULTATO DEL TRATTAMENTO DI 80 TONNELLATE DI FECI UMANE -10 giu 2016 16:38

Dal ritorno di Cattelan all’esordio della cinquantaduenne Vanini, all’installazione memorabile di Bouchet, fatta di escrementi umani, una mostra senza guizzi memorabili ma con un concept comprensibile e declinato con professionalità…

PER IL RESTO APRI IL LINK :> http://www.dagospia.com/rubrica-31/arte/arte-merda-merda-arte-zurigo-via-11esima-edizione-mostra-126523.htm


Cristo di piscio’, polemiche sull’opera in mostra a Lucca

http://www.leonida-laconico.eu/2015/11/20/cristo-di-piscio-polemiche-sullopera-in-mostra-a-lucca/

 

20/11/2015 05:52

PER IL RESTO APRI IL LINK :>   http://www.leonida-laconico.eu/2015/11/20/cristo-di-piscio-polemiche-sullopera-in-mostra-a-lucca/

  • SI TERRÀ PER LA GLORIA DEI BENI CULTURALI NAZIONALI, L’ARTE MODERNA STA RAGGIUNGENDO VERAMENTE DELLE CIME DI ECCELLENZA.
    GRAZIE DARIO FRANCESCHINI (PD) PER DISPREZZARE COSÌ I SOLDI DEGLI ITALIANI E DI ABUSARE DELLA LORO PAZIENZA .
    SE QUESTA È VERA CULTURA !!!
    …. CARO MINISTRO TU MERITI UN PREMIO PER AVER PROMOSSO QUESTA ILLUMINANTE CREATIVITA: DI ESSERE IMMERSO, PER MEGLIO PREMIARTI ANCHE SE NON SAI NUOTARE, IN UNA PISCINA PIENA DI PISCIONE, UMANO E NON, E POI TIRA L’ACQUA! -’15 Leonida Laconico
  • PER IL RESTO APRI IL LINK :> HTTP://WWW.BLOGOSOCIAL.COM/CROCEFISSO-IMMERSO-NEL-PISCIO/
  • http://www.lintraprendente.it/2015/11/la-mostra-che-umilia-cristo-e-omaggia-lislam/
    Come poter qualificare, non un uomo qualunque, uno della strada, ma un ministro della ns. marcia repubblica ?
    Proprio chi si sta vantando di innalzare l’arte a bellezza da offrire per risollevare anche lo spirito purtroppo ha dimostrato di non essere affatto spiritoso, ma semplicemente mostruoso!
    Come si fa a rivestire una simile carica e per di più con estrema spocchiosità, come nella genetica delle sinistre?
Leonida Laconico
Leonida Laconico

SEGUE NEI LINKS

http://www.ilgiornale.it
http://www.ilgiornale.it

http://www.ilgiornale.it/news/interni/prada-non-sente-crisi-lady-rossa-compra-quadro-34-milioni-918097.html Prada non sente la crisi La lady rossa compra un quadro da 34 milioni €.

PRADA,LA LADY ROSSA COMPRA IL “RETTANGOLO” DI UN IMBIANCHINO x APPENA 34 MILIONI €.

E’ PROPRIO VERO CHE NEI MOMENTI PIU’ DELICATI AFFIORA, SPECIE SUL VERSANTE DEI “COERENTI” MILIARDARI DI SINISTRA (DEBENEDETTI, DELLA VALLE, AGNELLI, ILLY…) TUTTA LA SENSIBILITA’ PER SOLIDARIZZARE CON I TANTI BISOGNOSI CHE CRESCONO DI GIORNO IN GIORNO.

A PARTE L’IPOCRITA SCELTA DI CAMPO POLITICO SOLO PER BARARE OSTENTANDO LA PROPRIA COSCIENZA A POSTO, A PARTE IL BUON GUSTO INDIVIDUALE (personalmente non apprezzo l’arte contemporanea, complicata e disarmonica, solo bluff artistico e spudorata speculazione per gl’illuminati allochi progressisti, ma proprio questo quadro mi fa ribrezzo sia per il costo astronomico, sia perché non riuscirei a dargli degna collocazione neanche nel cesso) DIMOSTRATO DA QUESTA “ILLUMINATA” BENEFATTRICE… DEL TUBO ( Con somme simili i veri benefattori, soprattutto di una volta,

costruivano interi ospedali , orfanotrofi ed opere socio-filantropiche a godimento dei bisognosi, ma spesso anche dimore personali lussuose ed in contrasto con la povertà dell’epoca – usanza allora peraltro in vigore anche dalla Chiesa -, che però riuscivano a tramandare ai posteri come veri tesori artistici che oggi tutto il mondo ammira e ci invidia).

NON VORREI ESSERE FRAINTESO COME UNO CHE DISPREZZA I RICCHI, FOMENTANDO ODIO DI CLASSE, SEME OGGI DIFFUSO E DI FACILE ATTECCHIMENTO, MA ESPRIMO IL MASSIMO DISSENSO PER L’USO SMODATO, VANITOSO, IRRAZIONALE, DISGUSTOSO, MA SOPRATTUTTO INTEMPESTIVO ED IMMORALE.

VORREI SOLO RICORDARE CHE DONNA RACHELE, LA VEDOVA DEL DUCE, PUR ALLEVANDO GALLINE (tutte nere), POTE’ VANTARE, RISPETTO ALLA PRADA, DI POSSEDERE MAGGIORE RICCHEZZA …. D’ANIMO !

Leonida Laconico
Leonida Laconico

 

Leonida Laconico


Collezionista italiano paga 34 milioni di euro una tela di Barnett Newman

Venduto all’asta da Sotheby’s capolavoro dell’espressionismo astratto

Quando si tratta di arte non si bada a spese. Sarà stato questo il pensiero di Miuccia Prada, che, secondo il ‘New York Times’, martedì 14 maggio 2013 si è aggiudicata all’asta una tela di Barnett Newman staccando un assegno da 43,8 milioni di dollari, equivalenti a 34 milioni di euro. Una tela completamente colorata di blu dell’artista espressionista astratto il cui lavoro è stato battuto da Sotheby’s. La stilista milanese, a capo di una delle case di moda più blasonate del mercato internazionale, è attualmente, secondo la rivista ‘Forbes’ al terzo posto nella lista delle persone più ricche d’Italia e al 78esimo posto tra quelle più ricche al mondo.

TROVO DISGUSTOSO (Verso quel pezzo di tela che vale meno di una cicca) OLTRECHE’ OLTRAGGIOSO ( verso la poverta’) , CHE LA RICCHEZZA “ECONOMICA” CORRISPONDA AD UNA “POVERTA’ DI SPIRITO”  ED ABBIA QUESTE NOBILI FINALITA’

L’ARTE FIGURATIVA È INDUBBIAMENTE OPINABILE SECONDO I GUSTI PERSONALI, MA QUELLA CHE CONTA DI PIÙ IN QUESTI CASI È L’ARTE DELLE BELLE PAROLE E DEI CIARLATANI CHE RIESCONO A PLAGIARE LE PERSONE PIÙ DISCUTIBILI PER CAPACITÀ DI GIUDIZIO O PER FORME DI ARRICCHIMENTO SENZA SFORZI, MA CON VERA RAPACITÀ LECITA O MENO.

INOLTRE C’E’ DA GIUDICARE UNA VERA BESTEMMIA CHE UNA “RADICAL-CHIC” DICHIARATAMENTE “DEMOCRATICA PROGRESSISTA” , OPERI IN VERA UMILTA’, E SENZA OMBRA DI ARROGANZA.

MA UNA COSA ANCOR PIU’ PENOSA ED OSCENA E’ QUELLA DI VOLER FAR RIENTRARE SIMILI OPERE NELLA CATEGORIA “ARTE”.

SIMILI SFORZI ARTISTICI ESPOSTI NELLE LATRINE PUBBLICHE LE

DETURPEREBBERO , ANCHE SE PROPRIO IN AMBIENTI SIMILI  SI SONO ISPIRATI VARI “RAFFAELLO DELLA CACCA”, SPOPOLANDO IN IMPORTANTI MOSTRE  PER GONZI ED ESIBIZIONISTI  “GRUZZOLOSI”!

Leonida Laconico
Leonida Laconico

 


http://www.fondazioneprada.org/project/roman-polanski-my-ispirations/?lang=en

 

twitter
twitter

@FondazionaePrada    Milan

Roman Polanski: My Inspirations ( Per i pedofili ? )
INCREDIBILI SIMPATIE !

 

 

 

 

PER IL RESTO APRI IL LINK :>   http://www.leonida-laconico.eu/2016/06/17/polanski-pedofilo-di-nuovo-nei-guai-varsavia-vuole-estradarlo-2/

Comments are closed.